La regina dei castelli di carta – Stieg Larsson

Incipit La regina dei castelli di carta

II dottor Anders Jonasson fu svegliato dall’infermiera Manna Nicander. Mancavano pochi minuti all’una e mezza di notte.
“Che c’è?” domandò confuso.
“Elicottero in arrivo. Due pazienti. Un uomo anziano e una giovane donna. La donna ha ferite d’arma da fuoco.”
“Aha” fece Anders Jonasson stancamente.
Si era appisolato una mezzoretta e aveva ancora sonno. Stava facendo il turno di notte al pronto soccorso dell’ospedale Sahlgrenska di Goteborg. Era stata una serata alquanto faticosa. Da quando era entrato in servizio alle sei di sera, l’ospedale aveva accolto quattro persone reduci da uno scontro frontale subito fuori Lindome. Una era in gravi condizioni e di un’altra era stato constatato il decesso subito dopo l’arrivo. Il dottore aveva anche curato una cameriera con un’ustione a una gamba conseguente a un incidente nelle cucine di un ristorante dell’Avenyn, il corso principale di Gòteborg, e salvato la vita a un bambino di quattro anni, che era arrivato con un blocco respiratorio dopo aver ingerito la ruota di una macchinina giocattolo. Inoltre, aveva fatto in tempo a medicare un’adolescente finita in una buca con la bicicletta. La manutenzione stradale aveva scelto opportunamente di piazzare lo scavo all’uscita di una pista ciclabile, e qualcuno aveva buttato i cavalletti di avvertimento dentro lo scavo. La ragazza era stata ricucita con quattordici punti in faccia e avrebbe avuto bisogno di due incisivi nuovi. Jonasson aveva poi riattaccato un pezzo di pollice che un entusiasta falegname della domenica si era mozzato con la pialla.

Incipit tratto da:

    • Titolo: La regina dei castelli di carta
    • Autore: Stieg Larsson
    • Traduzione: Carmen Giorgetti Cima
    • Titolo originale: Luftslottet som sprängdes
    • Casa editrice: Marsilio

Bibliografia Stieg Larsson

La regina dei castelli di carta di Stieg Larsson

Quarta di copertina / Trama
La giovane hacker Lisbeth Salander è di nuovo immobilizzata in un letto d’ospedale, anche se questa volta non sono le cinghie di cuoio a trattenerla, ma una pallottola in testa. È diventata una minaccia: se qualcuno scava nella sua vita e ascolta quello che ha da dire, potenti organismi segreti crolleranno come castelli di carta. Deve sparire per sempre, meglio se rinchiusa in un manicomio. La cospirazione di cui si trova suo malgrado al centro, iniziata quando aveva solo dodici anni, continua. Intanto, il giornalista Mikael Blomkvist è riuscito ad avvicinarsi alla verità sul terribile passato di Lisbeth ed è deciso a pubblicare su “Millennium” un articolo di denuncia che farà tremare i servizi di sicurezza, il governo e l’intero paese. Non ci saranno compromessi. L’ultimo capitolo della trilogia di Stieg Larsson è ancora una volta una descrizione della società contemporanea sotto forma di thriller. Un romanzo emozionante di trame occulte e servizi segreti deviati, che cattura il ritmo del nostro tempo e svela a cosa possono condurre le perversioni di un sistema malato. Una storia che, fedele all’anima del suo autore, narra di violenza contro le donne, e di uomini che la rendono possibile.
(Ed. Marsilio; Farfalle)

Bibliografia Stieg Larsson

Da questo romanzo il film La regina dei castelli di carta (Luftslottet som sprängdes) per la regia di Daniel Alfredson (2009)

Locandina La regina dei castelli di carta

La ragazza che giocava con il fuoco – Stieg Larsson

Incipit La ragazza che giocava con il fuoco

Era legata con cinghie di cuoio a una stretta branda con il telaio in acciaio. Le cinghie tese sopra il torace premevano. Era stesa sulla schiena. Le mani bloccate all’altezza dei fianchi.
Ormai aveva rinunciato da tempo a qualsiasi tentativo di liberarsi. Era sveglia ma teneva gli occhi chiusi. Se li avesse aperti si sarebbe ritrovata al buio, l’unica fonte di luce era una debole striscia che filtrava da sopra la porta. Si sentiva in bocca un sapore cattivo e non vedeva l’ora di potersi lavare i denti.
Una parte della sua coscienza tendeva l’orecchio per cogliere il rumore di passi che avrebbe indicato che lui stava arrivando. Non aveva la minima idea di che ora della sera fosse, al di là del fatto che aveva l’impressione che cominciasse a essere troppo tardi perché venisse a trovarla. Un’improvvisa vibrazione della branda la indusse ad aprire gli occhi. Era come se un macchinario di qualche genere si fosse
avviato da qualche parte all’interno dell’edificio. Ma dopo un paio di secondi non sapeva se fosse stata solo un’illusione oppure se il rumore fosse stato reale.
Mentalmente spuntò un altro giorno sul calendario.
Era il suo quarantatreesimo giorno di prigionia.
(Prologo)

Incipit tratto da:

    • Titolo: La ragazza che giocava con il fuoco
    • Autore: Stieg Larsson
    • Traduzione: Carmen Giorgetti Cima
    • Titolo originale: Flickan som lekte med elden
    • Casa editrice: Marsilio

Bibliografia Stieg Larsson

La ragazza che giocava con il fuoco di Stieg Larsson

Quarta di copertina / Trama
Mikael Blomkvist è tornato vittorioso alla guida di Millennium, pronto a lanciare un numero speciale su un vasto traffico di prostituzione dai paesi dell’Est. L’inchiesta si preannuncia esplosiva: la denuncia riguarda un intero sistema di violenze e soprusi, e non risparmia poliziotti, giudici e politici, perfino esponenti dei servizi segreti. Ma poco prima di andare in stampa, un triplice omicidio fa sospendere la pubblicazione, mentre si scatena una vera e propria caccia all’uomo: l’attenzione di polizia e media nazionali si concentra su Lisbeth Salander, la giovane hacker, “così impeccabilmente competente e al tempo stesso così socialmente irrecuperabile”, ora principale sospettata. Blomkvist, incurante di quanto tutti sembrano credere, dà il via a un’indagine per accertare le responsabilità di Lisbeth, “la donna che odia gli uomini che odiano le donne”. È lei la vera protagonista di questo nuovo episodio della Millennium Trilogy, un thriller serrato che all’intrigo diabolico unisce un’acuta descrizione della società moderna, con le sue contraddizioni e deviazioni, consegnandoci con Lisbeth Salander un personaggio femminile unico, commovente e indimenticabile.
(Ed. Marsilio; Tascabili Maxi)

Bibliografia Stieg Larsson

Da questo romanzo il film La ragazza che giocava con il fuoco (Flickan som lekte med elden) per la regia di Daniel Alfredson (2009)

Locandina La ragazza che giocava con il fuoco

Stieg Larsson – Opere – Bibliografia

Stieg Larsson
nato (Karl Stig-Erland Larsson) nel 1954 a Skelleftehamn (Svezia) morto nel 2004 a Stoccolma (Svezia)

Bibligrafia di Stieg Larsson

Opere di Stieg Larsson pubblicate in Italia:

Opere e Bibliografia Stieg Larsson

Aggiornato Febbraio 2012