Storie liquide – Gianluca Pirozzi

Incipit Storie liquide

Appena alzato, con indosso ancora il pigiama, il viso riflesso nello specchio del bagno, Giacomo fu incapace di tenere a bada i primi ansiosi pensieri sull’approssimarsi di quella data. Meno d’una settimana, soli cinque giorni a quel sabato cui tante volte aveva pensato.
Non che non ne fosse felice, ma sin dall’inizio aveva sperimentato una certa difficoltà nel fronteggiare le piccole e grandi paure che la prospettiva di una vita veramente a due gli aveva fatto balenare da quando aveva preso quella decisione. Aveva accettato il consiglio di rivolgersi ad un medico, un analista, per gestire l’angoscia che a volte lo tormentava e solo adesso, dopo tre mesi, iniziava a sentirsi più forte e determinato verso quella meta: il 7 luglio avrebbe sposato Alessandra
e sarebbe stato, per dirla con le parole del suo analista, all’«altezza di questa nuova dimensione affettiva». Certo, a volte la paura di poter compiere un passo falso tornava ad assalirlo. Era un sentimento insidioso, che lo prendeva sin dal mattino e che gli occupava la mente per il resto della giornata lasciandolo frastornato e confuso, quasi fosse uno spettatore inerme di quel che intorno avrebbe potuto accadergli e non uno degli interpreti principali.

Incipit tratto da:
Titolo: Storie liquide
Autore: Gianluca Pirozzi
Casa editrice: Libreria Croce

Bibliografia Gianluca Pirozzi

Copertine di Storie liquide di Gianluca Pirozzi
Quarta di copertina / Trama

«Leggere Storie liquide di Gianluca Pirozzi è stata una vera avventura. Un’avventura in cui la necessità di un rapporto razionale con la “parola” ha rischiato di essere scalzata dal desiderio di affidarsi alla fantasia e alla immaginazione.
Tuttavia ho resistito alla tentazione e andando avanti nella lettura sono rimasta affascinata dalla sensibilità con cui l’autore si è servito dell’ironia per descrivere con delicatezza il vissuto particolare dei protagonisti. Anche il titolo scelto dall’autore per questa raccolta mi sembra azzeccato perché vi leggo, fra le altre, la metafora della “finestra aperta” dove alla luce è riconosciuto il diritto di illuminare gli angoli più remoti e da dove la vista può spingersi oltre le pareti erette da convenzioni insincere.
In Storie liquide Gianluca Pirozzi descrive con coraggio e rispetto alcune delle tante miserie del mondo e lo fa come soltanto un intellettuale può fare.»
(Ed. Libreria Croce)

(Ed. Libreria Croce; Off-side)

Indice cronologico opere Gianluca Pirozzi