Sotto un cielo sempre azzurro – Andrea Vitali

A quel tempo dormivo in camera con mio nonno Zaccaria

Incipit Sotto un cielo sempre azzurro

A quel tempo dormivo in camera con mio nonno Zaccaria. Ero ancora piccolo, andavo a scuola, facevo le elementari, la terza o forse la quarta, e abitavo in campagna. C’era un sacco di verde intorno, prati, alberi, un fiume, il cielo sempre azzurro, tutto quello che rivedo nei disegni che facevo allora quando oggi, ripensando a quel tempo e a quello che accadde, li riguardo. C’erano anche tanti profumi che non avevano ancora un nome e i versi delle galline, dei maiali e delle mucche. Ma pure il gracchiare sgraziato dei corvi che obbligava a guardare in alto per capire la bellezza dei cieli d’inverno. C’era la musica della pioggia sul tetto, che mi piaceva ascoltare a occhi chiusi sdraiato in soffitta in mezzo a tante cose polverose sulle quali fantasticavo cercando di immaginare a cosa fossero servite. Poi la neve d’inverno che invece mi piaceva guardare perché alla fine riuscivo a vedere che forma avesse tutto quel silenzio che calava sul mondo e i fischi del vento in autunno che bisognava ascoltare il meno possibile, perché secondo mia mamma parlavano di malattie come fossero cose piacevoli.

Incipit tratto da:
Titolo: Sotto un cielo sempre azzurro
Autore: Andrea Vitali
Casa editrice: Garzanti

Bibliografia Andrea Vitali

Copertine di Sotto un cielo sempre azzurro di Andrea Vitali
Quarta di copertina / Trama

La fortuna di Mattia si chiama Zaccaria. È suo nonno. Un tipo alto, magro, con i baffi e un vocione che fa tremare i vetri alle finestre. Da quando è venuto a vivere in casa del nipote, dividendo con lui la camera da letto perché altro posto non c’è, le cose sono cambiate da così a così. Per Mattia la noiosa vita di figlio unico è come se avesse ingranato la quarta e… via nei boschi a imparare i versi degli uccelli e il modo che usano gli alberi per comunicare fra di loro, a cercare castagne o a raccogliere ciliegie arrampicati sui rami. E la sera, aspettando di addormentarsi, il suono della voce del nonno che racconta storie incredibili di luoghi e persone mai sentiti prima. Un paradiso! con un sacco di verde intorno e un cielo sempre azzurro. Una mattina, però, quando si sveglia, Zaccaria non sembra più lo stesso. È serio, nervoso, e non si capisce di cosa stia parlando. La diagnosi del medico non lascia dubbi: non si può più tenerlo lì. E per Mattia il mondo intero sembra crollare di colpo. Possibile che il nonno sia così grave e non si tratti invece di uno dei suoi scherzi? Oppure è entrato in una realtà tutta nuova che si apre solo davanti agli occhi di chi la sa vedere?
Con Sotto un cielo sempre azzurro Andrea Vitali ci porta nel luogo più intimo della sua fantasia. Ammicca, invitandoci a seguirlo dietro cancelli invisibili ma che cigolano davvero, in quello spazio della nostra mente in cui conserviamo la parte più vitale di noi stessi ma che spesso crediamo non sia più possibile raggiungere, quando invece non sarebbe così difficile scoprire la meraviglia che ci circonda, soprattutto in ciò che chiamiamo follia solo perché abbiamo paura di guardare il vero nascosto in ogni cosa.
In appendice al romanzo, il racconto Sui matti non piove mai.
(Ed. Garzanti; Narratori Moderni)

Indice cronologico opere Andrea Vitali