Abbaiare stanca – Daniel Pennac

Innanzitutto quando si è un randagio

Incipit Abbaiare stanca

«Innanzitutto quando si è un randagio, non si fanno tante storie!»
È la Spepa che squittisce. Ha una voce terribilmente acuta. Le parole rimbalzano contro i muri, il soffitto e il pavimento della cucina. Si mescolano al tintinnio delle stoviglie. Troppo rumore. Il Cane non ci capisce un’acca. Si limita ad appiattire le orecchie aspettando che passi. E poi ne ha sentite di peggiori. Che gli dia del randagio non lo tocca poi tanto. Sì, è stato un randagio, e allora? Non se n’è mai vergognato. Le cose stanno così. Ma santo cielo, com’è acuta la voce della Spepa. E quanto parla! Se non avesse bisogno delle quattro zampe per reggersi dignitosamente in piedi, il Cane si tapperebbe le orecchie con le zampe davanti. Ma si è sempre rifiutato di scimmiottare gli uomini.

Incipit tratto da:
Titolo: Abbaiare stanca
Autore: Daniel Pennac
Traduzione: Cristina Palomba
Titolo originale: Cabot-Caboche
Casa editrice: Salani

Bibliografia Daniel Pennac

Copertine di Abbaiare stanca di Daniel Pennac

Indice cronologico opere Daniel Pennac