Informativa


Branchie – Niccolò Ammaniti

Incipit Branchie

Le salamandre sono capaci di tornare nelle loro tane con una precisione sorprendente. Se le prendi e le porti oltre una montagna, quelle se ne tornano a casa.
Io no. Io mi perdo. Soprattutto quando bevo.

Incipit tratto da:

Bibliografia di Niccolò Ammaniti

Branchie di Niccolò Ammaniti

Quarta di copertina / Trama
Quando Branchie uscí, nel 1994, da un piccolo editore, le poche copie pubblicate passarono subito di mano in mano come un testo clandestino. Lo proponiamo oggi a un pubblico piú vasto, intatto e fresco nella irriverenza, temerarietà e sfrenatezza festosa di allora. Protagonista è Marco Donati, un ragazzo che studia il comportamento dei pesci, malato terminale, con madre ossessiva e fidanzatina. Dall’abulico trascinarsi da una festa all’altra nella Roma dei quartieri alti, Marco precipita in una avventura senza limiti, come un cavaliere senza paura, in un’India che sembra il capolavoro di un falsario pazzo. Road movies, videogames, quiz col domandone nei momenti piú critici, tanta musica – da Ravi Shankar a Garbo – demenziali sport estremi, manie generazionali e molto altro, tutto Ammaniti frulla come in un “tramezzino , ripieno di baccalà, broccoli, maionese e cipolle al curry”.
(Ed. Einaudi, Tascabili stile libero)

Bibliografia di Niccolò Ammaniti

Da questo romanzo il film Branchie per la regia di Francesco Ranieri Martinotti (1999)

Locandina Branchie

Lascia un commento

*
To prove that you're not a bot, enter this code
Anti-Spam Image