Il buio e il miele – Giovanni Arpino

Incipit Il buio e il miele

C’era un grosso moscone dorato che ronzava lungo la finestra del pianerottolo, i muri odoravano di tanta fresca, con un virata improvvisa il moscone mordendo felicemente l’aria individuò lo spiraglio tra i vetri socchiusi, sparì. Mi affacciai anch’io per buttare la cicca. Il cortile sotto era deserto, due magre spanne di cemento nel sole di fine agosto. Più lontano, il verde consunto delle colline oltre il fiume sfumava in un cielo opaco. Con le mani controllai la bustina ben ferma sulla fronte, il nodo e la giusta caduta della cravatta, prima di suonare.

Incipit tratto da:

    • Titolo: Il buio e il miele
    • Autore: Giovanni Arpino
    • Casa editrice: Òmicron

Bibliografia Giovanni Arpino

Il buio e il miele di Giovanni Arpino

Quarta di copertina / Trama
L’affascinante romanzo di Arpino, da cui è stato tratto il famoso film “Profumo di donna”, racconta l’amicizia tra un ragazzo e un adulto, ricca di sfumature psicologiche e di umanità, che ci fa intravedere una possibilità di incontro tra mondi apparentemente inconciliabili. Un classico della letteratura italiana che ha segnato un’importante tappa verso una narrativa di respiro europeo.
(Ed. Òmicron; Nuova Officina)

Bibliografia Giovanni Arpino

Da questo romanzo il film Profumo di donna per la regia di Dino Risi (1974)

Locandina Profumo di donna