Informativa


Cadavere non identificato – Patricia Cornwell

Incipit Cadavere non identificato

6 dicembre 1996
Epworth Heights
Luddington, Michigan

Carissima Kay,
sono seduto nella veranda a guardare il lago Michigan con il vento che mi ricorda che dovrei farmi tagliare i capelli. Ricordo l’ultima volta che siamo venuti qui e ci siamo entrambi dimenticati per un momento prezioso che eravamo e che cosa dovevamo fare. Kay, ho bisogno che tu mi ascolti.
Se leggi questa lettera, è perché io sono morto. Quando ho deciso di scrivertela, ho chiesto al senatore Lord di portartela personalmente all’inizio di dicembre dell’anno dopo la mia morte. So che Natale è sempre stato un brutto periodo per te e penso che questo, in particolare, sia insopportabile. La mia vita è cominciata quando ho iniziato ad amarti e, adesso che è finita, voglio che tu mi faccia un regalo andando avanti comunque.

Incipit tratto da:

    • Titolo: Cadavere non identificato
    • Autrice: Patricia Cornwell
    • Traduzione: Annamaria Biavasco
    • Titolo originale: Black Notice
    • Casa editrice: Mondadori

Bibliografia Patricia Cornwell

Cadavere non identificato di Patricia Cornwell
Incipit Black Notice

December 6, 1996
Epworth Heights
Luddington, Michigan

My Dearest Kay,
I am sitting on the porch, staring out at Lake Michigan as a sharp wind reminds me I need to cut my hair. I am remembering when we were here last, both of us abandoning who and what we are for one precious moment in the history of our time. Kay, I need you to listen to me.
You are reading this because I am dead When I decided to write it, 1 asked Senator Lord to deliver it to you in person in the early part of December, a year after my death. I know how hard Christmas has always been for you, and now it must be unbearable. Loving you was when my life began. Now that it has ended, your gift to me is to go on.

Incipit tratto da:

Quarta di copertina / Trama
Tutto ha inizio al Deep Water Terminal di Richmond, quando, in un container di un cargo proveniente da Anversa, viene rinvenuto un cadavere maschile in avanzato stato di decomposizione.
L’autopsia, eseguita da Kay Scarpetta, non riesce a stabilire con precisione la causa della morte dell’uomo e la polizia non è in grado di identificarlo dai pochi effetti personali ritrovati.
Unica traccia, quella che potrebbe essere la firma dell’assassino su uno scatolone all’interno del container: Loup-Garou. Sarà questa misteriosa firma a portare Kay Scarpetta oltreoceano, in Francia, dove l’Interpol sta da qualche tempo indagando su una serie di raccapriccianti omicidi riconducibili appunto a Loup-Garou, e che presentano forti analogie anche con un altro omicidio verificatosi a Richmond. In particolare, strani peli ritrovati sulle vittime e terrificanti rituali praticati sui loro corpi fanno pensare alla stessa mano criminale, a una creatura di cui non si vorrebbe neanche supporre l’esistenza.
Kay Scarpetta, più vulnerabile per le sue ultime tristi vicende private, questa volta rischia davvero di non farcela: non solo deve risolvere un caso particolarmente inquietante, ma anche guardarsi da alcuni intriganti esponenti della polizia della Virginia che vogliono la sua rovina.
(Ed. Mondadori; Omnibus)

Bibliografia Patricia Cornwell