Color lucciola – Chiara Gamberale

Incipit Color lucciola

«È già un uomo, ma ancora un bambino…Insomma…Uno scrittore…»

«Mia madre ha un brutto male e non vuole che io lo sappia…»

«Je ne l’aimerai jamais…»

«…io, promessa al Signore, desidero l’amore di un uomo…»

«Il tutto e il niente sono due facce della stessa medaglia, mi capisce?»

«…aiutami Aletè, ti prego.»

«Aletè…»

«Mi capisce, signorina Aletè?»

«È già un uomo, ma ancora un bambino… Insomma… Uno scrittore…»

Incipit tratto da:

Bibliografia di Chiara Gamberale

Copertina di Color lucciola di Chiara Gamberale
Quarta di copertina / Trama

Aletè porta con sé un dono maieutico che somiglia pericolosamente ad una maledizione. La sua sola presenza evoca la verità, aiuta (costringe?) gli ipocriti, i dubbiosi, i reticenti a dire la verità su se stessi e gli altri. Confidando in questa sua virtù arcana, due genitori disperatile chiedono di aiutare il figlio Paolo, la cui intelligenza si è chiusa ormai da tempo in un silenzio scontroso e misterioso. In realtà Paolo sta scrivendo un libro, e dal momento in cui Aletè gli si pone a fianco nasce un gioco affascinante di parallelismi fra vicende vere e raccontate, fra personaggi d’invenzione e personaggi in carne e ossa…una storia che precipita verso un finale in cui tragedia e commedia si mescolano con la sfacciata indifferenza verso le cose della vita.
Dopo l’esordio precoce e folgorante di Una vita sottile, chiara Gamberane si congeda dal drammatico autobiografismo dell’opera prima e regala al lettore una narrativa felicemente inattuale, contro ogni tendenza, una dichiarazione d’amore integrale e terribilmente coerente. Perfetto nella sua struttura ad incastri, pieno di sorprese e colorato da un tono fiabesco che non rinuncia mai alla precisione e alla spietatezza dello sguardo, questo romanzo indaga sentimenti di tutti proiettandoli su uno scenario mitico e fa abitare nella nostra fantasia un personaggio unico nel panorama della letteratura italiana di oggi.
RAUL MONTANARI
(Ed. Marsilio; Le Farfalle)

Indice cronologico opere di Chiara Gamberale