Informativa


Cowboys & indians – Joseph O’Connor

Incipit Cowboys & indians

Eddie Virago stava tremando. Molto.
Si spinse con forza contro lo schienale del sedile e vuotò con un sorso il suo bicchiere di plastica il suo gin Sealink, notando che quando beveva levava in aria il mignolo tremante, come una duchessa rimbambita o qualcosa del genere. Come Lady Brackneil o un’altra vecchiaccia demente di quelle. Buone maniere. Il padre aveva ragione. L’istruzione non sarebbe mai riuscita a cancellarle.

Incipit tratto da:

  • Titolo: Cowboys & indians
  • Autore: Joseph O’Connor
  • Traduzione: Massimo Biratti
  • Titolo originale: Cowboys And Indians
  • Casa editrice: Einaudi

Cowboys & indians - Joseph O Connor
Incipit Cowboys And Indians

Eddie Virago had a serious case of the shakes.
He leaned back hard in the pullman chair and swigged at his plastic cup of Sealink gin, noticing that when he swallowed he raised his shivering little finger in the air, like some kind of crazy duchess or something. Like Lady Bracknell, or some other deranged old bat. Good breeding. His father was right. No amount of education could stamp it out.

Incipit tratto da:

  • Title: Cowboys And Indians
  • Author: Joseph O’Connor
  • Publisher: Random House
  • Language: English

Quarta di copertina / Trama
Eddie ha vent’anni, una maestosa cresta da mohicano e un’inattaccabile fiducia nelle proprie capacità. Punk della prima e dell’ultima ora, sbarca a Londra in cerca di fortuna dalla Dublino middle class, forte di un sedicente talento musicale e di una sfrontata egolatria. Comincia cosí una stralunata educazione sentimentale tra bevute colossali e fidanzate neurolabili, in una Londra caotica e decrepita che nemmeno si accorge di lui. Tra una disillusione e una sconfitta Eddie andrà avanti macinando un eccesso dietro l’altro senza che la benché minima consapevoleza riesca a scalfirlo. Attarverso lo sguardo tagliente di O’Connor, la trasferta di questo ingenuo avventuriero innamorato di se stesso diventa lo spunto di uno struggente viaggio tra pub, monocamere e fetide perifere dove Eddie consuma la sua grande occasione londinese.O’Coonor ci dà con Cowboys & Indians un ritratto graffiante e realistico di un variegato universo “underground” di cui registra l’intera gamma di voci, dall’ispido slang dei rockettari londinesi alla litania monocorde della sempre disperata Marion, dall’inglese “simil-wasp” dei piccoli burocrati della musica fino al borbottio anglo-pakistano del padrone dell’hotel dove vive Eddie.
(Ed. Einaudi; Stile Libero)

Bibliografia Joseph O’Connor

Lascia un commento

*
To prove that you're not a bot, enter this code
Anti-Spam Image