Il Cerchio Magico -Susanna Tamaro

Incipit Il Cerchio Magico

Che cos’era la felicità?
Rick stava seduto sul pavimento di una stanza tutta bianca e guardava in alto, al di là delle sbarre che lo separavano dal cielo. Quella stanza non era la sua tana, non c’erano le foglie calde su cui sdraiarsi. C’era un pavimento di piastrelle. Erano lisce e fredde come la superficie del lago ghiacciato. Rick amava stare nudo e rotolarsi nel fango.
Che cos’era la felicità?
Da quando stava chiuso là dentro se lo ripeteva come un ritornello.
Cos’era la felicità, cos’era la felicità, cos’era la felicità?

Incipit tratto da:

Il Cerchio Magico -Susanna Tamaro

Quarta di copertina / Trama
Nel centro del grande parco di Villa Gioiosa si trova il Cerchio Magico, un bosco speciale dove tutte le creature vivono in perfetta armonia.
Tra queste, Mamma Guendy, dolcissimo cane lupo, ha adottato un bambino trovato in fasce nei rifiuti e lo ha cresciuto nel rispetto della natura e della libertà. Rick, questo il suo nome, è convinto di essere un cucciolo di lupo e vive attorniato dall’affetto degli abitanti del bosco e in special modo di Guendy e di Ursula, una vecchia scimpanzé considerata da tutti molto saggia.
Finché un giorno, improvvisamente, uomini e ruspe spazzano via il Cerchio Magico e con lui tutti i suoi abitanti. Rick viene catturato e adottato da Ulderico Triponzo, candidato Sindaco di speranze esorbitanti quanto i suoi doppimenti e le sue tre pance.
Che ne sarà del “cucciolo nudo” Rick?
(Ed. Giunti; Biblioteca Junior)

Bibliografia Susanna Tamaro