Fuga dal Natale – John Grisham

Incipit Fuga dal Natale

L’uscita era affollata di viaggiatori stanchi, per lo più in piedi e accalcati lungo le pareti perché da tempo, ormai, gli scarsi sedili di plastica erano stati occupati. Almeno un’ottantina di passeggeri arrivavano e partivano su ogni aereo, eppure c’era da sedere solo per poche decine.
Sembravano mille le persone in attesa del volo delle diciannove per Miami. Erano infagottati e carichi, e dopo essersi districati nel traffico, al check-in e nell’assembramento dell’atrio apparivano tutti un po’ spenti. Era il martedì prima del Ringraziamento, il giorno più caotico dell’anno per i viaggi in aereo e, mentre sgomitavano e venivano compressi in un nodo ancora più stretto a ridosso dell’uscita, molti si chiedevano, non per la prima volta, perché mai avessero scelto quella data per volare.

Incipit tratto da:

    • Titolo: Fuga dal Natale
    • Autore: John Grisham
    • Traduzione: Tullio Dobner
    • Titolo originale: Skipping Christmas
    • Casa editrice: Mondadori

Bibliografia John Grisham

Fuga dal Natale di John Grisham

Incipit Skipping Christmas

The gate was packed with weary travelers, most of them standing and huddled along the walls because the meager allotment of plastic chairs had long since been taken. Every plane that came and went held at least eighty passengers, yet the gate had seats for only a few dozen.
There seemed to be a thousand waiting for the 7 p.m. flight to Miami. They were bundled up and heavily laden, and after fighting the traffic and the check-in and the mobs along the concourse they were subdued, as a whole. It was the Sunday after Thanksgiving, one of the busiest days of the year for air travel, and as they jostled and got pushed farther into the gate many asked themselves, not for the first time, why, exactly, they had chosen this day to fly.

Incipit tratto da:

  • Title: Skipping Christmas
  • Author: John Grisham
  • Publisher: Doubleday
  • Language: English

Quarta di copertina / Trama
Solo l’anno prima la famiglia Krank aveva speso 6100 dollari per preparare il Natale. Quest’anno papà e mamma Krank si trovano all’aeroporto per salutare, pochi giorni prima di Natale, la figlia Blair in partenza per una missione umanitaria in Perù. Un pensiero un po’ folle si insinua in loro: che senso ha trascorrere il Natale senza Blair?! E se lo saltassero? E se utilizzassero quei 6100 dollari per la crociera ai Caraibi che da anni si sono sempre negati? Basta non andare dal rosticciere (che sollievo evitare la ressa), non invitare nessuno al party (troveranno certo dove andare quegli scrocconi), non montare nessun Frosty sul tetto (operazione, per altro, pericolosa per un uomo di cinquantaquattro anni). Il grande piano è deciso e messo in atto, prima in modo titubante, poi spavaldo. Ma il Natale, con la sua straordinaria potenza consumistica, con la sua ingombrante presenza moralistica, sta per prendersi la più esilarante e sferzante rivincita sui poveri Krank.
Una favola classica dei tempi moderni, un’ironica provocazione che regala momenti di puro divertimento e che ci fa scoprire John Grisham geniale scrittore della commedia umoristica e disincantato osservatore di una tradizione di cui ormai non possiamo fare a meno.
(Ed. Mondadori; Oscar Best Sellers)

Bibliografia John Grisham

Da questo romanzo il film Fuga dal Natale (Christmas with the Kranks) per la regia di Joe Roth (2004)

Locandina Fuga dal Natale