Informativa


Mare di zucchero – Mario Desiati

Incipit Mare di zucchero

Durazzo, 7 agosto
Sono le 5 del pomeriggio e ci sono trentacinque gradi. Il sole cade a picco sulla sabbia e brucia la pelle. Sulla spiaggia quattro ragazzi giocano a rincorrersi, e ogni volta che uno prende l’altro, si buttano in mare. I genitori riposano in casa, nei quartieri che si estendono a scacchiera davanti al litorale.
È un giorno d’estate uguale a tanti altri.
Nulla lascia presagire ciò che sta per accadere.
Tra i quattro ragazzi sulla spiaggia c’è Ervin.

Incipit tratto da:

  • Titolo: Mare di zucchero
  • Autore: Mario Desiati
  • Casa editrice: Mondadori

Mare di zucchero di Mario Desiati
Quarta di copertina / Trama
«Il porto è aperto.» Prima è un bisbiglio, poi diventa uno strido, infine muta in un boato. «Il porto è aperto!» «Il porto è aperto, avete capito?» LUCA: vive in un piccolo paese nei pressi di Bari, ma si sente lontano anni luce dai suoi genitori e dai suoi coetanei. Crede a tutto, persino ai miracoli e ai santi venuti dal mare. Su un taccuino appunta le storie sempre diverse che inventa. ERVIN E LUCA: separati da appena cento chilometri, hanno più o meno la stessa età e la stessa altezza, ma non potrebbero essere più diversi e lontani… fino all’arrivo della Vlora. In un giorno d’estate del 1991, una grande nave che sa ancora di zucchero approda alle coste italiane con ventimila albanesi a bordo, tutti spinti da un sogno di libertà. Quel giorno Ervin e Luca vivono la più grande avventura della loro vita. Grazie alla penna delicata e intensa di Mario Desiati, due vite sospese si incrociano e si intrecciano in una notte di silenzi, giochi e scoperte che segnerà, semplicemente e forse per sempre, la Storia. La loro storia.
(Ed. Mondadori)

Bibliografia Mario Desiati