La notte del Drive-In – Joe R. Lansdale

Incipit La notte del Drive-In

Scrivo dei giorni prima che le cose impazzissero, quando c’era da dire addio alle superiori, pensare all’università, alle ragazze, ai party, e alla Grande Nottata Horror del venerdì al drive-ine Orbit, quello a fianco dell’Interstatale 45, il più grande drive-in e del Texas. Del mondo intero, a dire il vero, anche se dubito che esistano molti drive-in, per esempio, in Jugoslavia.
Pensateci un momento. Ripulite la mente da tutto il resto e vedete se riuscite a immaginare un drive-ine tanto grande da poter contenere quattromila automobili. Voglio dire, pensateci sul serio.
Quattromila.

Incipit tratto da:
Titolo: La notte del Drive-In
Autore: Joe R. Lansdale
Traduzione: Vittorio Curtoni e Delio Zinoni
Titolo originale: The Drive-In
Casa editrice: Einaudi

Bibliografia Joe R. Lansdale

Copertine di La notte del Drive-In di Joe R. Lansdale

Incipit The Drive-In

I’m writing now about the time before things got weird and there was high school to kiss off, college to plan, girl, parties and the All-Night Horror Show come Friday night at The Orbit Drive-in off I-45, the largest drive-in in Texas. The world, for that matter, though I doubt there are that many of them in, say, Yugoslavia.
Think about it for a moment. Set your mind clear and see if you can imagine a drive-in so big it can hold four thousand automobiles. I mean, really think about it.

Incipit tratto da:
Title: The Drive-In
Author: Joe R. Lansdale
Publisher: Carroll & Graf Publishers
Language: English
Quarta di copertina / Trama

La statura di Lansdale è oggi sempre più chiara a ogni nuovo libro: ma la freschezza e l’energia del ciclo La notte del drive-in, che contiene tutti i temi principali della sua narrativa, restano indimenticabili e uniche. Torna dunque in Stile libero il capolavoro di Lansdale, a sei anni dall’edizione nella collana Vertigo.
Immaginatevi il piú grande drive-in mai esistito: l’Orbit. Siamo in Texas, è un venerdí sera e l’Orbit è stipato di gente che sgomita per popcorn e Coca-Cola, pregustando la Grande Nottata Horror. Ma sul piú bello, il drive-in stesso si trasforma in un film dell’orrore. Con gli spettatori come involontari, esterrefatti protagonisti. Dove sono finite le stelle? Perché chi si avvicina ai confini del drive-in muore orribilmente? Nell’Orbit trasformato in lager una folla instupidita, imbarbarita, è costretta per settimane a nutrirsi di schifezze e vedere senza interruzione La notte dei morti viventi, sotto la sferza del mostruoso Re del Popcorn, sintesi di tutti gli orrori dell’ossessione al consumo. Drive-in ha un seguito in Drive-in 2, dove vediamo i personaggi sopravvissuti aggirarsi in un paesaggio irriconoscibile: dopo l’Orbit e i suoi dèi dementi qualcosa è definitivamente cambiato, sul pianeta Terra.
(Einaudi; Stile Libero Noir)

Cronologia opere Joe R. Lansdale