Informativa


Nuove storie dalla corte di mio padre – Isaac B. Singer

Incipit Nuove storie dalla corte di mio padre

Lo chiamavano tutti Chaim il fabbro, ma in realtà era ciò che qui in America si definisce idraulico. Riparava tubazioni dell’acqua e in particolare scarichi intasati del gabinetto, problema frequente nella nostra via.
Chaim era un uomo di media statura, forte e di spalle larghe, con una faccia bruna come il bronzo e una barba dello stesso colore. I suoi abiti sembravano spolverati di ruggine. Sebbene ancora giovane, aveva in viso le rughe e le grinze del faticatore che non si risparmia. Estate e inverno portava giacchetta corta e stivali alti. Aveva sempre con sé tubi, martelli, lime, pinze e questo o quel pezzo di ferro. Persino la sua voce aveva una sonorità metallica. Di shabbath Chaim il fabbro pregava a casa nostra e consumava il Terzo Pasto con noi. A volte, bevendo un bel bicchierone di acquavite, mi stringeva la mano. La sua era dura come il ferro.
( Chaim il fabbro )

Incipit tratto da:

  • Titolo: Nuove storie dalla corte di mio padre
  • Autore: Isaac B. Singer
  • Traduzione: Mario Biondi
  • Titolo originale: More Stories from My Father’s Court
  • Casa editrice: Longanesi
  • Bibliografia Isaac B. Singer

Nuove storie dalla corte di mio padre - Isaac B. Singer

Lascia un commento

*
To prove that you're not a bot, enter this code
Anti-Spam Image