Informativa


Il paradiso degli orchi – Daniel Pennac

Incipit Il paradiso degli orchi

La voce femminile si diffonde dall’altoparlante, leggera e piena di promesse come un velo da sposa.
– Il signor Malaussène è desiderato all’Ufficio Reclami.
Una voce velata, come se le foto di Hamilton si mettessero a parlare. Eppure, colgo un leggero sorriso dietro la nebbia di Miss Hamilton. Niente affatto tenero, il sorriso. Bene, vado. Arriverò probabilmente la settimana prossima. È il 24 dicembre, sono le 16 e 15, il Grande Magazzino è strapieno. Una fitta folla di clienti gravati dai regali ostruisce i passaggi. Un ghiacciaio che cola impercettibilmente, in un cupo nervosismo. Sorrisi contratti, sudore lucente, ingiurie sorde, sguardi pieni d’odio, urla terrorizzate di bambini acciuffati da Babbi natale idrofili.
– Non aver paura, tesoro, è Babbo Natale!
Rapidi flash.

Incipit tratto da:

Il paradiso degli orchi - Daniel Pennac
Incipit Au bonheur des ogres

La voix féminine tombe du haut-parleur, légère et prometteuse comme un voile de mariée.
– Monsieur Malaussène est demandé au bureau des Réclamations.
Une voix de brume, tout à fait comme si les photos de Hamilton se mettaient à parler. Pourtant, je perçois un léger sourire derrière le brouillard de Miss Hamilton. Pas tendre du tout, le sourire. Bon, j’y vais. J’arriverai peut-être la semaine prochaine. Nous sommes un 24 décembre, il est seize heures quinze, le Magasin est bourré. Une foule épaisse de clients écrasés de cadeaux obstrue les allées. Un glacier qui s’écroule imperceptiblement, dans une sombre nervosité. Sourires crispés, sueur luisante, injures sourdes, regards haineux, hurlements terrifiés des enfants happés par des pères Noël hydrophiles.
– N’aie pas peur, chéri, c’est le Père Noël! Flashes.

Incipit tratto da:

  • Titre: Au bonheur des ogres
  • Auteur: Daniel Pennac
  • Editeur: Gallimard
  • Langue: Français

Quarta di copertina / Trama
Un eroe, Malaussène, che come lavoro fa il “capro espiatorio”. Una famiglia disneyana, senza mamme e babbi, con fratellini geniali, sorelle sensitive, una “zia” femmina super-sexy, ritratto irresistibile del giornalismo alla “Actuel”, una misteriosa guardia notturna sera, un cane epilettico.
Questa esilarante banda di personaggi indaga su una serie di oscuri attentati, sull’orrore nascosto nel Tempio del benessere, un Grande Magazzino dove scoppiano bombe tra i giocattoli e un Babbo Natale assassino aspetta la prossima vittima. Un’altalena tra divertimento e suspence, tra una Parigi da Misteri di Sue e una Parigi post-moderna dove proliferano i piccoli e grandi “orchi” che qualcuno crede estinti. Degli orchi si può ridere o si può tremare. Uno scrittore come Pennac, non ha certo paura di affrontarli con l’arma che lui stesso così definisce nel libro: “l’umorismo, irriducibile espressione dell’etica”.
Stefano Benni
(Ed. Feltrinelli; Economica Universale)

Bibliografia Daniel Pennac

Da questo romanzo il film Il paradiso degli orchi (Au bonheur des ogres) per la regia di Nicolas Bary (2013)

Locandina Il paradiso degli orchi

Lascia un commento

*
To prove that you're not a bot, enter this code
Anti-Spam Image