Il pianeta di Mr. Sammler – Saul Bellow

Incipit Il pianeta di Mr. Sammler

Poco dopo l’alba, o quella che sarebbe stata l’alba in un cielo normale, Mr. Artur Sammler osservò col suo occhio cespuglioso i libri e le carte nella sua camera da letto sulla West Side e sospettò fortemente che si trattasse di libri sbagliati, di carte sbagliate. In un certo senso non aveva troppa importanza per un uomo di oltre settant’anni e per di più senza impegni di sorta. Bisognava proprio essere dei fissati a insistere di aver ragione. Aver ragione era in larga misura una questione di spiegazioni. L’uomo intellettuale era diventato un essere spiegante. I padri ai figli, le mogli ai mariti, i conferenzieri agli ascoltatori, gli esperti ai profani, i colleghi ai colleghi, i medici ai pazienti, l’uomo alla propria anima, tutti spiegavano. Le radici di questo, le cause di quest’altro, l’origine di determinati eventi, la storia, la struttura, i motivi per cui. Nella maggior parte dei casi, entravano da un orecchio e uscivano dall’altro. L’anima voleva quel che voleva. Aveva la propria naturale conoscenza. Se ne stava infelicemente seduta, povera creatura,in cima a sovrastrutture di spiegazioni, e non sapeva da che parte girarsi.

Incipit tratto da:

    • Titolo: Il pianeta di Mr. Sammler
    • Autore: Saul Bellow
    • Traduzione: Letizia Ciotti Miller
    • Titolo originale: Mr. Sammler Planet
    • Casa editrice: Mondadori

Bibliografia di Saul Bellow

Il pianeta di Mr. Sammler di Saul Bellow
Incipit Mr. Sammler Planet

Shortly after dawn, or what would have been dawn in a normal sky, Mr. Artur Sammler with his bushy eye took in the books and papers of his West Side bedroom and suspected strongly that they were the wrong books, the wrong papers. In a way it did not matter much to a man of seventy-plus, and at leisure. You had to be a crank to insist on being right. Being right was largely a matter of explanations. Intellectual man had become an explaining creature. Fathers to children, wives to husbands, lecturers to listeners, experts to laymen, colleagues to colleagues, doctors to patients, man to his own soul, explained. The roots of this, the causes of the other, the source of events, the history, the structure, the reasons why. For the most part, in one ear out the other. The soul wanted what it wanted. It had its own natural knowledge. It sat unhappily on superstructures of explanation, poor bird, not knowing which way to fly.

Incipit tratto da:

  • Title: Mr. Sammler Planet
  • Author: Saul Bellow
  • Publisher: Penguin
  • Language: English

Quarta di copertina / Trama
Mr. Sammler, ebreo di origini polacche sopravvissuto all’Olocausto, vive a New York, perennemente inseguito dal ricordo dell’occupazione nazista e amareggiato da vicende personali che lo hanno reso misogino, misantropo, razzista. Intellettuale un tempo famoso, ora si dedica allo studio della complessità della natura umana. E mentre intorno a lui l’America vive l’intensa stagione della rivoluzione sessuale e dei movimenti per i diritti civili e si prepara a conquistare la Luna, Sammler, “un individuo al passato”, si sente sempre più alienato dal presente e si scopre a sognare il futuro… Pubblicato nel 1970, Il pianeta di Mr. Sammler è considerato uno dei migliori romanzi di Bellow, tutto giocato sul contrasto e la complementarietà tra la ricca retrospettività del protagonista e una serie di avventure tra il grottesco e il picaresco che, suo malgrado, lo coinvolgono, sullo sfondo di un superbo scenario urbano e di una serie di indimenticabili ritratti umani. Il tutto legato da un’arte deliziosa, che già Pietro Citati riconobbe come degna della grande tradizione narrativa settecentesca.
(Ed. Mondadori; Oscar scrittori moderni)
Bibliografia di Saul Bellow