Informativa


Le perfezioni provvisorie – Gianrico Carofiglio

Incipit Le perfezioni provvisorie

Tutto cominciò con un’innocua telefonata di un vecchio compagno di università.
Sabino Fornelli fa l’avvocato civilista. Quando un suo cliente ha un problema penale, lui chiama me, mi passa il caso e poi non vuole saperne più niente. Come molti civilisti, pensa che gli uffici giudiziari penali siano posti malfamati e pericolosi, e preferisce tenersene alla larga.

Incipit tratto da:

Bibliografia Gianrico Carofiglio

Le perfezioni provvisorie di Gianrico Carofiglio

Quarta di copertina / Trama
Le giornate di Guido Guerrieri trascorrono in equilibrio instabile fra il suo lavoro di avvocato – un nuovo elegante studio, nuovi collaboratori, una carriera di successo – e la solitudine venata di malinconia delle sue ore private. Antidoti a questa malinconia: il consueto senso dell’umorismo, la musica, i libri e le surreali conversazioni con il sacco da boxe, nel soggiorno di casa.
Tutto inizia quando un collega gli propone un incarico insolito: cercare gli elementi per dare nuovo impulso a un’inchiesta di cui la procura si accinge a chiedere l’archiviazione. Manuela, studentessa universitaria a Roma, figlia di una Bari opulenta, è scomparsa in una stazione ferroviaria, inghiottita nel nulla dopo un fine settimana trascorso in campagna con amici. Inizialmente Guerrieri esita ad accettare l’incarico, più adatto a un detective che a un legale. Poi, scettico e curioso a un tempo, inizia a studiare le carte e a incontrare i personaggi coinvolti nell’inchiesta. Tra questi, la migliore amica di Manuela, Caterina. Una ragazza dei suoi tempi giovane, bella, immediata al limite della sfrontatezza. L’avvocato, diviso fra imbarazzo e attrazione, si lascia accompagnare da lei nel ricostruire il mondo segreto di Manuela e le ragioni della sua scomparsa.
In parallelo con l’indagine, nasce e si sviluppa – in lunghe conversazioni notturne e inattese confessioni – l’amicizia con Nadia, ex cliente di Guido, donna singolare e affascinante, dal passato burrascoso.
Se Caterina è la normalità inquietante e indecifrabile, Nadia, con la sua storia irregolare ma il suo animo limpido, è quasi un simbolo della possibilità di cambiare il proprio destino.
Nelle pieghe di questo contrasto l’avvocato Guerrieri percorre una ripida traiettoria attraverso la mutazione genetica dei suoi tempi e della sua Bari. Emergono verità nascoste, in un mondo apparentemente stabile e normale, in realtà insospettato e torbido, dove l’unica salvezza sembra essere nella nitida perfezione di alcuni rari, provvisori momenti di felicità.
(Ed. Sellerio; La Memoria)

Bibliografia Gianrico Carofiglio

2 Risposte to “Le perfezioni provvisorie – Gianrico Carofiglio”

  1. Marco Segato Says:

    Ciao, l’hai già letto?
    Dall’incipit mi pare interessante (di nuovo queste relazioni con vecchi compagni, come in “Né qui né altrove”, chissà..) ed il titolo è veramente intrigante.

  2. admin Says:

    Ancora non l’ho letto; anche a me intriga molto. Mi piace molto come scrive Carofiglio, finora non mi ha mai deluso, anzi…

    Lisa

Lascia un commento

*
To prove that you're not a bot, enter this code
Anti-Spam Image