Informativa


Per dove parte questo treno allegro – Sandro Veronesi

Incipit Per dove parte questo treno allegro

Il babbo splendeva in un abito grigio, i capelli grigi e fini sollevati dal vento, le braccia dondolanti lungo il corpo in quel modo che faceva sembrare il suo passo sempre frettoloso. Non lo vedevo da quasi un anno, e trovai che somigliasse più del solito a Robert Mitchum, ma forse era la consapevolezza di vederlo sconfitto a ingigantire la somiglianza. Del resto quelle palpebre pesanti e quella fossetta sul mento lo avevano sempre fatto somigliare a Robert Mitchum, fin dalle foto della sua giovinezza sparse nei cassetti, e se adesso lui pareva molto invecchiato anche Mitchum lo era, e le loro due facce continuavano a confondersi nella medesima bellezza, solo piú anziana.

Incipit tratto da:

Per dove parte questo treno allegro - Sandro Veronesi

Quarta di copertina / Trama
Un padre simpatico e cialtrone che passa da un fallimento all’altro con incosciente noncuranza e un figlio trentenne, lavativo ma perbene: sono questi i due eroi del romanzo di Veronesi. All’inizio della storia il padre propone al figlio di recuperare clandestinamente in Svizzera un bel gruzzolo di soldi, scampato al sequestro dei beni della famiglia. Comincia così un viaggio avventuroso e insensato. Eppure, nella meschina concretezza della proposta il denaro è il reale motore della storia e dei sentimenti dei due protagonisti – questa è l’unica azione che possa smuovere la pigrizia del giovane che, sulla scia dell’esistenza scapestrata del padre e in nome di una madre perduta e bellissima, intravede l’occasione per ricomporre la propria esistenza. Un “viaggio con papà” ironico e visionario, un vivace road movie, tra amori e sentimenti mancati, di un grande scrittore italiano.
(Ed.Tascabili Bompiani 2001)

Bibliografia Sandro Veronesi

Lascia un commento

*
To prove that you're not a bot, enter this code
Anti-Spam Image