Informativa


Quella donnaccia – John Fante

Incipit Quella donnaccia

Stavamo cenando quando zio Clito emerse dalla tempesta di neve. Si tolse le soprascarpe, si alitò nelle mani ghiacciate, e fece il suo ingresso in sala da pranzo.
Papà gli chiese se voleva un po’ di pasta e fagioli, ma disse di no. A cavalcioni su una sedia, il mento poggiato sullo schienale, i suoi vigili occhi scuri presero a esaminare il tavolo. Presero nota del vino, di quanto papà ne aveva bevuto, di quanto burro avevamo spalmato sul pane, e di tutto il resto. Mamma si aggiustò il vestito e i capelli. Con zio Clito bisognava stare bene attenti: era maestro nello scoprire qualcosa fuori posto. Noi bambini, per dire, nascondemmo subito le mani perché non potesse vederci le unghie poco curate.

Incipit tratto da:

    • Titolo: Quella donnaccia
    • Autore: John Fante
    • Traduzione: Francesco Durante
    • Casa editrice: Marcos y Marcos

Bibliografia John Fante

Quella donnaccia di John Fante

Lascia un commento

*
To prove that you're not a bot, enter this code
Anti-Spam Image