Informativa


Lo scrittore fantasma – Philip Roth

Incipit Lo scrittore fantasma

Erano le ultime ore di luce di un pomeriggio di dicembre di più di vent’anni fa – avevo ventitré anni, stavo scrivendo e pubblicando i miei primi racconti, e come gli eroi di tanti Bilungsroman che mi avevano preceduto già contemplavo il mio stesso imponente Bildungsroman – quando raggiunsi il nascondiglio dove dovevo incontrare il grand’uomo.

Incipit tratto da:

Lo scrittore fantasma di Philip Roth

Incipit The Ghost Writer

It was the last daylight hour of a December afternoon more than twenty years ago – I was twenty-three, writing and publishing my first short stories, and like many a Bildungsroman hero before me, already contemplating my own massive Bildungsroman – when I arrived at his hideaway to meet the great man.

Incipit tratto da:

  • Title: The Ghost Writer
  • Author: Philip Roth
  • Publisher: Vintage
  • Language: English

Quarta di copertina / Trama
Una sera di dicembre del 1956, sulla soglia di casa di Emanuel Isidore Lonoff appare un giovane scrittore di belle speranze, Nathan Zuckerman, venuto a porgere ammirato omaggio all’uomo che considera il proprio maestro. Lonoff vive in quasi totale reclusione sulle colline del New England, «leggendo, scrivendo e guardando la neve», con la moglie Hope e una misteriosa ragazza, Amy Bellette, una sopravvissuta all’Olocausto che il grande scrittore ha aiutato a stabilirsi in America.
Zuckerman non immagina ancora di quali avvenimenti strani e burrascosi sarà testimone nelle poche ore in cui verrà ospitato in quella casa, quali fantasie gli occuperanno l’immaginazione mentre cercherà di far quadrare la vita apparentemente monacale di Lonoff, la propria «turbolenza», l’ebraismo, i problemi con la famiglia, e persino l’ipotesi suggestiva che Anne Frank, autrice del Diario più famoso del mondo, non sia morta in un campo di concentramento durante la guerra.
Lo scrittore fantasma segna l’ingresso in scena di uno dei piú importanti personaggi della letteratura americana del Novecento: Nathan Zuckerman. Pubblicato per la prima volta nel 1979, il romanzo è divenuto ormai il primo tassello di un ciclo che ne comprende altri sette, tra cui i recenti Pastorale americana e La macchia umana. Uno Zuckerman ventitreenne, pieno di sacro fuoco per la letteratura, non incontra in Lonoff soltanto una figura paterna, un modello a cui assomigliare a tutti i costi. Diviso tra le esigenze della propria arte e le «pretese» della vita, Lonoff è il fantasma dello scrittore che Zuckerman stesso diventerà.
(Ed. Einaudi; SuperCoralli)

Bibliografia Philip Roth

Lascia un commento

*
To prove that you're not a bot, enter this code
Anti-Spam Image