Informativa


L’uomo duplicato – José Saramago

Incipit L’uomo duplicato

L’uomo che è appena entrato nel negozio per noleggiare una videocassetta ha nella sua carta d’identità un nome tutt’altro che comune, di un sapore classico che il tempo ha reso stantio, niente di meno che Tertuliano Máximo Afonso. Il Máximo e l’Afonso, di applicazione più corrente, riesce ancora ad ammetterli, a seconda, però, della disposizione di spirito in cui si trovi, ma il Tertuliano gli pesa come un macigno fin dal primo giorno in cui ha capito che l’infausto nome si prestava a essere pronunciato con un ironia che poteva essere offensiva. È professore di Storia in una scuola media, e la videocassetta gli era stata suggerita da un collega di lavoro che tuttavia non si era dimenticato di preavvisare, Non che si tratti di un capolavoro del cinema, ma potrà intrattenerla per un’ora e mezza. In verità, Tertuliano Máiximo Afonso ha un gran bisogno di stimoli che lo distraggano, vive da solo e si annoia, o, per dirla con la precisione clinica che l’attualità richiede, si è arreso alla temporale debolezza d’animo comunemente nota come depressione.

Incipit tratto da:

    • Titolo: L’uomo duplicato
    • Autore: José Saramago
    • Traduzione: Rita Desti
    • Titolo originale: O Homem Duplicado
    • Casa editrice: Einaudi

Bibliografia José Saramago

L’uomo duplicato - José Saramago

Lascia un commento

*
To prove that you're not a bot, enter this code
Anti-Spam Image