Il vampiro di Blackwood – Anne Rice

Incipit Il vampiro di Blackwood

Lestat,
se, come spero ardentemente, troverai questa lettera nella tua casa di rue Royale, capirai subito che ho infranto le tue regole.
So che New Orleans è off limits per i cacciatori di sangue e che annienterai chiunque di loro venga trovato lì. E, contrariamente a molti vagabondi invasori che hai già eliminato, io comprendo benissimo le tue ragioni. Non vuoi che veniamo visti da membri del Talamasca. Non vuoi una guerra con il venerabile ordine degli investigatori del paranormale, tanto per il loro bene quanto per il nostro.
Ma ti prego, ti supplico, prima di venirmi a cercare leggi quanto ho da dire.
Mi chiamo Quinn, ho ventidue anni e sono un cacciatore di sangue – per usare l’espressione prediletta dal mio Creatore – da poco meno di un anno. Sono un orfano, dal mio punto di vista, ed è a te che mi rivolgo in cerca di aiuto.

Incipit tratto da:

Il vampiro di Blackwood - Anne Rice
Incipit Blackwood Farm

Lestat,
If you find this letter in your house in the Rue Royale, and I do sincerely think you will find it—you’ll know at once that I’ve broken your rules.
I know that New Orleans is off limits to Blood Hunters, and that any found there will be destroyed by you. And unlike many a rogue invader whom you have already dispatched, I understand your reasons. You don’t want us to be seen by members of the Talamasca. You don’t want a war with the venerable Order of Psychic Detectives, both for their sake and ours.
But please, I beg you, before you come in search of me, read what I have to say.
My name is Quinn. I’m twenty-two years old, and have been a Blood Hunter, as my Maker called it, for slightly less than a year. I’m an orphan now, as I see it, and it is to you that I turn for help.

Incipit tratto da:

  • Title: Blackwood Farm
  • Author: Anne Rice
  • Publisher: Ballantine Books
  • Language: English

Quarta di copertina / Trama
Benvenuti a Blackwood Farm: svettanti colonne bianche, saloni senza fine, giardini inondati di sole e l’oscura, densa striscia di una palude maledetta… È il mondo di Quinn Blackwood, eccentrico e affascinante giovane tormentato, sin dagli anni dell’infanzia, da un inquietante doppio, Goblin, spirito malvagio che a tratti s’impadronisce di lui. Finché una notte, mentre Quinn vaga fra quelle acque limacciose illuminate dalla pallida luce della luna, ha un incontro drammatico che porrà presto fine alla sua vita terrena, segnando l’inizio della sua esistenza come vampiro. Da quell’istante Goblin assumerà su di lui un controllo terrificante… In una disperata corsa avanti e indietro nel tempo, dagli anni in cui era bambino al presente di New Orleans, dall’antica Atene alla Napoli del XIX secolo, Quinn si mette alla ricerca del vampiro Lestat, il solo che, forse, potrebbe liberarlo dallo spettro che sembra volerlo risucchiare nella nera palude e nei suoi terribili segreti.
(TEA; TEAdue)

Bibliografia Anne Rice