La prosivendola – Daniel Pennac

Incipit La prosivendola

Prima c’è stata quella frase che mi ha attraversato la mente: “La morte è un processo rettilineo”. Il genere di dichiarazione poco sfumata che uno si aspetta piuttosto di trovare in inglese: “Death is a straight on process”… o giù di lì.

Incipit tratto da:
Titolo: La prosivendola
Autore: Daniel Pennac
Traduzione: Yasmina Melaouah
Titolo originale: La petite marchande de prose
Casa editrice: Feltrinelli

Bibliografia Daniel Pennac

Copertine di La prosivendola di Daniel Pennac

Incipit La petite marchande de prose

C’est d’abord une phrase qui m’a traversé la tête :”la mort est un processus rectiligne.” Le genre de déclaration à l’emporte-pièce qu’on s’attend plutôt à trouver en anglais : “Death is a straight on process”… quelque chose comme ça.

Incipit tratto da:
Titre: La petite marchande de prose
Auteur: Daniel Pennac
Editeur: Gallimard
Langue: Français
Quarta di copertina / Trama

Per rilanciare le vendite del suo autore di maggior successo commerciale, che fabbrica dei bestsellers mondiali sul mondo della finanza e del quale non si devono conoscere né il vero nome né il viso, la regina Zabo, tirannica direttrice e geniale “prosivendola” della casa editrice Taglione decide, in occasione del lancio del suo nuovo successo annunciato, di reclutare un “sostituto” che incarni pubblicamente il misterioso J.L.B. Accompagnata da una sapiente e gigantesca campagna stampa, l’operazione riesce. Ma il “sostituto”, che ovviamente è Benjamin Malaussène, di professione capro espiatorio, rimane vittima di un attentato durante uno show delirante. Bloccato in un letto d’ospedale in uno stato di coma, dichiarato dai medici quasi irreversibile, Benjamine viene tenuto ciononostante informato dagli sviluppi del caso della sua tribù, resa tranquilla sul suo stato di salute dall’affermazione della sorellina astrologa, secondo cui Ben vivrà fino a novantatrè anni.
(Ed. Feltrinelli; Universale Economica)

Indice cronologico opere Daniel Pennac

Signor Malaussène – Daniel Pennac

Incipit Signor Malaussène

Il bambino era inchiodato alla porta come un uccello del malaugurio. I suoi occhi plenilunio erano quelli di una civetta.
Loro erano sette e salivano le scale quattro a quattro. Naturalmente ignoravano che questa volta gli avevano inchiodato un moccioso alla porta. Pensavano di aver già visto tutto e quindi correvano verso la sorpresa. Ancora due piani e un piccoli Gesù di sei o sette anni avrebbe sbarrato loro la strada. Un bimbo-dio inchiodato vivo a una porta. Chi può immaginare una cosa simile?

Incipit tratto da:
Titolo: Signor Malaussène
Autore: Daniel Pennac
Traduzione: Yasmina Melaouah
Titolo originale: Monsieur Malaussène
Casa editrice: Feltrinelli

Bibliografia Daniel Pennac

Copertine di Signor Malaussène di Daniel Pennac

Incipit Monsieur Malaussène

L’enfant était cloué à la porte comme un oiseau de malheur. Ses yeux pleine lune étaient ceux d’une chouette.
Eux, ils étaient sept, et montaient les escaliers quatre à quatre. Bien entendu, ils ignoraient que cette fois-ci on leur avait cloué un gosse sur la porte. Ils croyaient avoir tout vu et couraient donc vers la surprise. Deux paliers encore et un petit Jésus de six ou sept ans leur barrerait le passage. Un bébé-dieu cloué vif sur une porte. Qui peut imaginer une chose pareille ?

Incipit tratto da:
Titre: Monsieur Malaussène
Auteur: Daniel Pennac
Editeur: Gallimard
Langue: Français
Quarta di copertina / Trama

È Benjamin Malaussène di professione capro espiatorio, che parla a Signor Malaussène, suo figlio in procinto di nascere, per presentargli la tribù Malaussène, la sua futura famiglia.
In un Belleville assediata dagli ufficiali giudiziari, qualcuno – chissà chi? – oppone una strenua resistenza. Al centro dell’azione il cinema Zèbre, dove si vorrebbe proiettare, una sola volta prima che venga distrutto, il Film Unico di un vecchio e celebre produttore cinematografico. Come contorno, la scomparsa di alcune prostitute meravigliosamente tatuate…
Dalla profonda e ironica consapevolezza del male, che scorre lungo tutta l’opera di Pennac, deriva, anche in quest’ultimo capitolo della storia dei Malaussène, la predilezione dell’autore per le creature fragili ed emarginate che, sole, possono salvare il mondo. Creature che trovano in Julie, Clara, Thérèse, Jeremy, il piccolo Verdun, È Un Angelo, per tacere di tutti gli altri, una voce divertente, delicata, fantasiosa. Ormai classica.
(Ed. Feltrinelli; Universale Economica)

Indice cronologico opere Daniel Pennac

Signori bambini – Daniel Pennac

Incipit Signori bambini

“Immaginazione non significa menzogna.”
Crastaing lo urlava senza alzare la voce.
“Immaginazione non significa menzogna!”
La sua cartella vomitava i nostri compiti sulla cattedra.
“Lo fate apposta?”
Nessuno lo faceva apposta. Bisognava essere dementi per farlo apposta.
“Quante volte dovrò ripetervelo?”
Trent’anni dopo, lo ripeteva ancora:
“Immaginazione non significa menzogna!”.

Incipit tratto da:

    • Titolo: Signori bambini
    • Autore: Daniel Pennac
    • Traduzione: Yasmina Melaouah
    • Titolo originale: Messieurs les enfants
    • Casa editrice: Feltrinelli

Bibliografia Daniel Pennac

Copertine di Signori bambini di Daniel Pennac

Incipit Messieurs les enfants

-L’imagination, ce n’est pas le mensonge
Crastaing hurlait ça sans élever la voix.
-L’imagination, ce n’est pas le mensonge
Son cartable vomissait nos copies sur son bureau.
-Vous le faites exprès ?
Personne ne le faisait exprès. Il aurait fallu être cinglé pour le faire exprés.
-Combien de fois faudra-t-il vous le répéter ?
Trente ans plus tard, il le répétait encore :
-L’imagination, ce n’est pas le mensonge

Incipit tratto da:
Titre: Messieurs les enfants
Auteur: Daniel Pennac
Editeur: Gallimard
Langue: Français

Quarta di copertina / Trama

Monsieur Craistang, professore di francese a Belleville, sorprende tre suoi allievi che si passano sotto banco uno schizzo satirico: una folla inferocita marcia dietro uno striscione che recita “Craistang ti faremo la pelle”. La punizione è immediata: per il giorno successivo dovranno portare un tema basato sull’ipotesi che i genitori possono ritornare bambini e i bambini diventare improvvisamente genitori. Ma lo scambio dei ruoli da ipotetico si fa ben presto reale e i “signori bambini” Igor, Joseph e Nouredine si trovano a dover fare la parte degli adulti in una complicata e condraddittoria Belleville contemporanea. A dirne le avventure è il padre di Igor, Pierre, morto di Aids per una trasfusione, che nel suo pigiama a righe narra dalla tomba al cimitero Père Lachaise. Grazie alla prospettiva stravolta e intenerita della voce narrante, cose e persone sono viste in modo insieme allucinato e lucido, favoloso e dolce. E alla fine sorge il dubbio che sia stato proprio Pierre a combinare tutto per restituire un po’ della felicità scomparsa con la sua morte.
Contemporaneamente alla pubblicazione del libro di Daniel Pennac in Francia nel 1998 è uscito il film omonimo diretto dall’amico Pierre Boutron. Scrittore e regista si sono sfidati e hanno lavorato assieme al progetto di raccontare, ciascuno a suo modo, la stessa storia. Unica condizione: l’uno non doveva leggere il libro prima che l’altro vedesse il film.
(Ed.Feltrinelli; Economica Universale)

Indice cronologico opere Daniel Pennac