Un giorno perfetto – Melania G. Mazzucco

Incipit Un giorno perfetto

Roma si addormenta lentamente, sprofondando nel torpore della notte. In lontananza echeggia una sirena. Gli ultimi autobus, vuoti e illuminati, sfrecciano sull’asfalto umido, e nell’edicola un uomo intabarrato in un giaccone sistema una pila di giornali. Davanti al Viminale alcuni operai del gas, arancioni nei giubbotti fosforescenti, aggiustano un tubo. Hanno acceso un fanale che squarcia la condensa, fantomatico e accecante. Ogni tanto sibila la fiamma ossidrica, sprizzando fasci di scintille. La volante della polizia, con la sirena che ulula, risale via Cavour, costeggia la basilica e i fagotti che dormono sulle panchine, svolta a destra e imbocca via Carlo Alberto.

Incipit tratto da:
Titolo: Un giorno perfetto
Autrice: Melania G. Mazzucco
Casa editrice: Rizzoli

Bibliografia Melania G. Mazzucco

Copertine di Un giorno perfetto di Melania G. Mazzucco
Quarta di copertina / Trama

Una donna che tenta di riprendersi la sua vita. Un poliziotto incapace di accettare la fine del suo matrimonio, ossessionato dal ricordo della moglie, dei suoi bambini, della sua famiglia perduta. E i loro figli, contesi e confusi. Un ragazzo di vent’anni che sogna un mondo diverso. E l’onorevole in declino che il poliziotto da anni scorta tutti i giorni, e che non ha il tempo di accorgersi che anche la sua famiglia sta andando in pezzi. E tutto intorno Roma, dalle periferie ai palazzi del potere. E il lavoro, la scuola, i sogni. Tutta la vita in un solo giorno.

Romanzo corale che si legge a perdifiato, affresco sociale ricco di ironia e di pietà, foto di gruppo di una nazione, questo racconto di un giorno apparentemente qualunque, in una grande città di oggi, è un’immersione totale nella realtà che ci circonda. Una storia d’amore e disincanto, una notizia da prima pagina, un caso di cronaca nera. Ma soprattutto l’anatomia di una famiglia: ragazze e bambini, uomini e donne, madri e padri, figli e figlie — scene da un matrimonio in cui tutti noi, nel bene e nel male, possiamo riconoscerci.
Dopo il successo di Vita Melania Mazzucco si addentra per la prima volta nei territori del presente, e si conferma scrittrice di raro spessore letterario, capace di dare evidenza di verità a un intero universo narrativo e di creare personaggi destinati a durare nella memoria del lettore.
(Ed. Rizzoli; Narrativa Italiana)

Cronologia opere Melania G. Mazzucco

Da questo romanzo il film Un giorno perfetto per la regia di Ferzan Ozpetek (2008)

Locandina Un giorno perfetto

Limbo – Melania G. Mazzucco

In questa città non succede mai niente

Incipit Limbo

In questa città non succede mai niente. La sera del ritorno di Manuela Paris si diffonde una frenesia sconcertante, neanche dovesse arrivare il papa. Tutti vogliono vederla. È la vigilia di Natale. Gli ambulanti in piazza hanno già smobilitato e anche le giostre stanno chiudendo. I bar abbassano le saracinesche, i camerieri si scambiano gli auguri con le cassiere e staccano il quadro elettrico, le insegne si spengono una dopo l’altra. I curiosi si raggruppano davanti al civico di casa sua, contro il cancelletto che difende una striminzito viottolo di ghiaia.

Incipit tratto da:
Titolo: Limbo
Autrice: Melania G. Mazzucco
Casa editrice: Einaudi

Bibliografia Melania G. Mazzucco

Copertine di Limbo di Melania G. Mazzucco
Quarta di copertina / Trama

La vigilia di Natale, Manuela Paris torna a casa, in una cittadina sul mare vicino a Roma. Non ha ancora ventotto anni. Da lí è partita per fare il soldato, ormai molti anni fa. In fuga da un’adolescenza sbandata, dalle frustrazioni di una madre che cercava in lei il proprio riscatto e dalle lacerazioni della sua famiglia. Con rabbia, determinazione e sacrificio, Manuela si è faticosamente costruita la vita che sognava, fino a diventare sottufficiale dell’esercito e comandante di plotone in una base avanzata del deserto afghano, responsabile della vita e della morte di trenta uomini. Ma il sanguinoso attentato in cui è rimasta ferita la costringe ora a una guerra molto diversa, e non meno insidiosa: contro i ricordi, il disinganno e il dolore, ma anche contro il ruolo di donna e vittima che la società tenta di imporle.
L’incontro con il misterioso ospite dell’hotel Bellavista, sospeso come lei in un suo personale limbo di attesa e speranza, è l’occasione per fare i conti con la sua storia. E per scoprire che vale sempre la pena vivere – perché nessuno, nemmeno lei, è ciò che sembra.
Sette anni dopo Un giorno perfetto, Melania Mazzucco torna a scrivere un romanzo contemporaneo, epico e appassionante, in cui la tensione etica soffia a ogni pagina. Una storia d’amore e di perdita, di morte e resistenza, che ci interroga sulle nostre scelte e sulle nostre responsabilità di uomini.
(Ed. Einaudi; SuperCoralli)

Cronologia opere Melania G. Mazzucco

Melania G. Mazzucco – Opere – Bibliografia

Melania Gaia Mazzucco

Scrittrice, vincitrice del Premio Strega nel 2003 con il romanzo “Vita”. Nata a Roma nel 1966

Bibliografia di Melania G. Mazzucco

Opere pubblicate in Italia:

Copertine delle Opere di Melania G. Mazzucco

Aggiornato Novembre 2019