Informativa


Candido – Leonardo Sciascia

Incipit Candido

Candido Munafò nacque in una grotta, che si apriva vasta e profonda al piede di una collina di olivi, nella notte dal 9 al 10 luglio del 1943. Niente di più facile che nascere in una grotta o in una stalla, in quell’estate e specialmente in quella notte: nella Sicilia guerreggiata dalla settima armata americana del generale Patton, dall’ottava britannica del generale Montgomery, dalla divisione tedesca Hermann Goering, da qualche sparuto, quasi sparito, reggimento italiano. E proprio quella notte, illuminato sinistramente il cielo dell’isola di bengala multicolori, arate le città di bombe, le armate di Patton e di Montgomery sbarcavano.

Incipit tratto da:

Candido - Leonardo Sciascia

Quarta di copertina / Trama
Candido Munafò nasce in una grotta della Sicilia la notte dello sbarco degli americani, nel 1943. E questo romanzo ci fa seguire le vicende della sua vita sino al 1977 in una serie di capitoletti che rimandano a quelli del Candide di Voltaire. La forma del conte philosophique, particolarmente congeniale a Sciascia, gli permette di prendere la giusta distanza – e dà un passo leggero, aereo a questo libro, che per altro è forse il più intimo e segreto fra tutti i suoi romanzi. «Le cose sono sempre semplici» mormora talvolta Candido. E sarà appunto il suo desiderio di nominare le cose con il loro nome a procurargli varie disavventure. Questo giovane mite, testardo e riflessivo finisce per apparire, agli occhi del mondo, come un «piccolo mostro». Ma proprio questo ci garantisce che in lui non si è cancellato l’oscuro tropismo verso la verità. Pubblicato per la prima volta nel 1977, Candido fu accolto subito dall’ammirazione di molti lettori e da dure polemiche, che oggi fanno quasi sorridere, tanto evidente appare che la ragione stava dalla parte di Sciascia.
(Ed. Adelphi; Fabula)

Bibliografia Leonardo Sciascia

Lascia un commento

*
To prove that you're not a bot, enter this code
Anti-Spam Image