Informativa


Un giorno dopo l’altro – Carlo Lucarelli

Incipit Un giorno dopo l’altro

Doveva aver fatto un volo di almeno dieci metri, perché la macchina stava ancora bruciando molto più indietro, ferma accanto al marciapiede, tra un furgoncino dal parabrezza incrinato e una Volvo col bagagliaio spalancato dall’esplosione. Doveva essere uscito sfondando il vetro davanti col sedile e tutto, come espulso da un jet, e doveva aver fatto una capriola per aria, perché era atterrato di schiena, quasi in mezzo all’incrocio. Doveva essere morto, perché la bomba, sparandolo fuori dall’auto, gli aveva strappato tutte e due le gambe all’altezza del ginocchio, bruciandogli il resto del corpo fino all’osso, e invece era ancora vivo e stringeva la bandoliera bianca del brigadiere Carrone, e la stringeva forte, come se volesse strangolarlo. Cercava di parlare, le labbra arricciate sui denti, piegate all’ingiù in uno sforzo che gli gonfiava una bolla rossa di saliva all’angolo della bocca. Teneva l’unico occhio aperto fisso sul brigadiere e intanto tirava a tirava, spingendo fuori dalla gola bruciata un gorgoglio raschiante e teso, che sembrava strappargli i polmoni di bocca.

Incipit tratto da:

    • Titolo: Un giorno dopo l’altro
    • Autore: Carlo Lucarelli
    • Casa editrice: Einaudi

Bibliografia Carlo Lucarelli

Un giorno dopo l’altro di Carlo Lucarelli

Quarta di copertina / Trama
L’ispettore Grazia Negro è alla ricerca di un serial killer che entra ed esce dalle autostrade fingendosi agente di commercio e cambiando di volta in volta identità. Il killer, Vittorio, uno dei più affascinanti apparsi nella narrativa italiana degli ultimi anni – lucido, glaciale, convinto che fermarsi sul bordo della strada sia come essere una nota sbagliata nella musica -, offre i suoi servizi professionali su Internet con il nome di Pit Bull. Alex, cronicamente insonne, un pit bull ce l’ha davvero, e approfitta del suo lavoro presso un server di provincia per trovargli un padrone. Purtroppo però risponde all’e-mail sbagliata…
Lucarelli accelera e rallenta il ritmo con esemplare abilità, spostando continuamente il punto di vista. Il risultato è un affresco corale di voci, suoni e immagini: un’indimenticabile storia di non-vite che si intersecano lungo le strade reali e virtuali del nostro paese.
(Ed. Einaudi; Stile Libero)

Bibliografia Carlo Lucarelli

Lascia un commento

*
To prove that you're not a bot, enter this code
Anti-Spam Image