Requiem – Antonio Tabucchi

Incipit Requiem

Pensai: quel tizio non arriva più. E poi pensai: mica posso chiamarlo “tizio”, è un grande poeta, forse il più grande poeta del ventesimo secolo, è morto ormai da tanti anni, devo trattarlo con rispetto, meglio, con tutto il rispetto. Ma intanto cominciavo a sentire fastidio, il sole dardeggiava, il sole di fine luglio, e pensai ancora: sono in ferie, stavo tanto bene là ad Azeitão, nella casa di campagna dei miei amici, chi me l’ha fatto fare di accettare questo incontro qui sul molo? E adocchiai ai miei piedi la mia ombra, e anche lei mi parve assurda e incongrua, non aveva senso, era un’ombra corta, appiattita dal sole di mezzogiorno, e fu allora che ricordai: lui aveva fissato per le dodici, ma forse aveva voluto dire le dodici di notte, visto che i fantasmi appaiono a mezzanotte. Mi alzai e percorsi il molo.

Incipit tratto da:

  • Titolo: Requiem: un’allucinazione
  • Autore: Antonio Tabucchi
  • Traduzione: Sergio Vecchio
  • Titolo originale: Requiem: uma alucinação
  • Casa editrice: Feltrinelli
  • Bibliografia Antonio Tabucchi

Requiem - Antonio Tabucchi

Quarta di copertina / Trama
Un vagabondaggio, un’allucinazione, uno scongiuro.
Un requiem che è congedo dai fantasmi di una donna, di un padre, di un amico, di un poeta, di una casa, di una città.
In uno stato a metà tra la coscienza e l’incoscienza, tra l’esperienza del reale e la percezione del sogno, un uomo si trova a mezzogiorno, senza sapersi spiegare come, in una Lisbona deserta e torrida di un’ultima domenica di luglio. Sa di avere azioni da compiere – l’ultima soprattutto: l’incontro con un personaggio illustre e scomparso che forse, come tutti i fantasmi si presenterà solo a mezzanotte, ma non ha idea di come compierle. Si affida così al flusso del caso, secondo una logica che segue le libere associazioni dell’Inconscio. E si trova a compiere un percorso che lo porta a vivere il ricordo nell’attualità di quella giornata, a riandare ad alcune tappe fondamentali della sua vita, a cercare di sciogliere i nodi irrisolti all’origine del suo stato allucinatorio. L’allucinazione, il viaggio, il sogno durano dodici ore, durante le quali si comprimono e si dilatano i tempi di una vita: passato e presente si mescolano per spiegarsi a vicenda, morti e vivi si incontrano negli stessi luoghi, i luoghi si fissano in un’immobilità che non ha niente a che fare col tempo. Con Requiem Antonio Tabucchi, nella forma inedita di diario di un’esperienza misteriosa e sapienziale, ha scritto un libro che è un omaggio al Portogallo: quasi alla memoria di un Paese che gli appartiene profondamente, e al quale profondamente appartiene. Al punto di averlo scritto in portoghese.
(Ed. Feltrinelli; Economica Universale)

Bibliografia Antonio Tabucchi