Le sante dello scandalo – Erri De Luca

Incipit Le sante dello scandalo

Nelle nostre grammatiche il maschile si distingue dal femminile con la lettera finale dei nomi, degli aggettivi, con dei pronomi distinti. Nell’ebraico delle scritture sacre la divisione passa anche nei verbi. Forme speciali separano i due sessi, così è sorpreso il lettore che legge i comandamenti del Sinai e si accorge che sono rivolti a un tu maschile. Nelle traduzioni leggiamo, per esempio, «Non ammazzare», ma l’ebraico dice: «Non ammazzerai», «Lo tirtzah». È questa la formula dell’imperativo. Quel tu è rivolto al maschile, se fosse femminile sarebbe stato: «Lo tirtzahì». Questo non vuol dire che le donne sono state esonerate dai comandamenti, ma che la divinità sceglie il maschile per trasmettere gli articoli della sua legge e della sua alleanza con Israele.

Incipit tratto da:

    • Titolo: Le sante dello scandalo
    • Autore: Erri De Luca
    • Casa editrice: Giuntina

Bibliografia Erri De Luca

Le sante dello scandalo di Erri De Luca

Quarta di copertina / Trama
Cinque donne stanno nell’elenco maschile delle generazioni tra abramo e Ieshu/Gesù. Cinque casi unici forzano la legge, confondono gli uomini e impongono eccezioni. Le donne qui fanno saltare il banco, riempiono di grazia che in loro diventa forza di combattimento.
Erri De Luca
(Ed.Giuntina)

Bibliografia Erri De Luca