Informativa


Storia di un uomo – Fred Uhlman

Incipit Storia di un uomo

Non è che sappia poi molto delle origini della mia famiglia, che era di Freudenthal, un piccolo villaggio non lontano da Stoccarda. A quanto mi costa, prima del XVIII secolo gli ebrei in Germania non avevano neppure un cognome. In tutto Wurttemberg c’erano soltanto cinquecento ebrei. Tenuti ai margini di tutte le maggiori città, dipendevano completamente dal Duca, il quale poteva espellerli a suo piacimento e li teneva con sé a patto di ricavarne qualche vantaggio. Conosciuti con il nome di Schutzjuden, ebrei protetti, dovevano pagarsi la protezione. C’era una “tassa d’ammissione” e un tributo annuale.

Incipit tratto da:

  • Titolo: Storia di un uomo
  • Autore: Fred Uhlman
  • Traduzione: Lucio Trevisan
  • Titolo originale: The making of an Englishman
  • Casa editrice: Feltrinelli
  • Bibliografia Fred Uhlman

Storia di un uomo - Fred Uhlman

Quarta di copertina / Trama
“È la storia di un uomo… la cui unica ambizione, ahimè irrealizzabile è raggiungere le stelle non con un razzo ma con la propria arte.”
Nel 1960, a cinquantanove anni, quando suggella con queste parole intrise di amarezza la propria biografia, Fred Uhlman è ormai un pittore affermato, ma nel campo della scrittura la continua a eluderlo. Gli arriverà postuma con lo straordinario successo de L’amico ritrovato, divenuto in breve tempo un bestseller mondiale. È una delle ironie di una vita dominata nel bene e nel male dal caso, il cui racconto, commosso, partecipato e ricco di episodi curiosi e divertenti, si legge come un romanzo.
L’autore parla dell’inizio delle persecuzioni razziali e dell’emarginazione degli ebrei che precede l’olocausto con il senso di stupore di chi non riesce a darsi ragione di un’enorme ingiustizia, di un vero e proprio tradimento.
Solo pochi hanno il coraggio di tagliare le radici e scegliere la via dell’esilio, tra questi Uhlman che si rifugia a Parigi, poi in Spagna e infine in Inghilterra, la sua seconda patria. Qui il libro si conclude, come se Uhlman preferisse lasciare insondata la parte privata della sua vita per darci, invece, soltanto il racconto di una vicenda umana e di esperienze condivise da tutti.
(Ed. Feltrinelli; Universale Economica)

Bibliografia Fred Uhlman

Lascia un commento

*
To prove that you're not a bot, enter this code
Anti-Spam Image