La doppia vita dei numeri – Erri De Luca

Il teatro è un racconto in cui scompare lo scrittore

Incipit La doppia vita dei numeri

Il teatro è un racconto in cui scompare lo scrittore. Non può scrivere: “Era una bella nottata di luna”. Lo deve dire uno dei personaggi. Gli avvenimenti sono raccontati e svolti dalle loro voci. Il teatro espelle il narratore dalla pagina, la parola passa in esclusiva a chi la pronuncia.
Gran parte di quello che metto per iscritto ha il precedente nella voce, proviene da un ascolto. Le storie che racconto affiorano all’orecchio, prima di ridursi al fruscio della penna sul quaderno a righe. Hanno il punto di partenza in forma di teatro personale, che si svolge alla lentezza della mano e della trascrizione.
(Introduzione)

Incipit tratto da:
Titolo: La doppia vita dei numeri
Autore: Erri De Luca
Casa editrice: Feltrinelli

Bibliografia Erri De Luca

Copertina di La doppia vita dei numeri di Erri De Luca
Quarta di copertina / Trama

È capodanno e Napoli carica le batterie per la pirotecnica finale. In una stanza giocano a tombola in due, fratello e sorella, ma apparecchiano per quattro. E le presenze arrivano, da un oltremare del tempo.
(Ed. Feltrinelli)

Indice cronologico opere Erri De Luca